Equipaggiamento, materiali e attrezzatura

L'arrampicata sportiva, l'alpinismo, il trekking, il campeggio in quota e tutte le attività legate alla roccia e alla montagna sono in grado di regalare forti emozioni e soddisfazioni, ma per poterne godere appieno è fondamentale essere preparati e ben equipaggiati, sia per quanto riguarda l'attrezzatura e i materiali sia per quanto riguarda l'esperienza la prudenza e l'attenzione.
E sono queste ultime, forse, le qualità più importanti, poichè non ci sono materiali o tecnologie in grado di sostituire un comportamento adeguato alle attività che si intraprendono.

È comunque vero che i materiali, soprattutto negli ultimi anni, hanno visto uno sviluppo vertiginoso che li ha resi sempre più leggeri, sicuri e comodi da usare.
Che si arrampichi o che si passeggi, quando ci si trova all'aperto, in particolar modo in montagna, è molto importante prestare attenzione alla scelta dell'abbigliamento. Una necessità assoluta per l'inverno è quella di favorire al massimo il passaggio verso l'esterno dell'umidità creata dalla sudorazione, in modo da mantenere asciutta la pelle e gli indumenti a contatto con essa, mantenendo allo stesso tempo un buon livello di calore e di protezione dagli agenti atmosferici.
L'estate invece richiede materiali che siano veloci da asciugare leggeri e traspiranti.

Anche le attrezzature come tende, zaini e sacchi a pelo devono essere adatti agli scopi per i quali le si utilizza. Non ci si può permettere di avere uno zaino a cui si rompe uno spallaccio nel mezzo di una parete, come è meglio evitare di trovarsi a dormire in una tenda che non abbia cuciture nastrate e non sia progettata per reggere le intemperie sotto un violento temporale.

Assicurarsi sempre di avere dei ricambi e degli abiti caldi, anche in estate, perchè il tempo in montagna può cambiare rapidamente. A questo proposito è consigliabile tenere sempre nello zaino una coperta isotermica (quelle che sembrano fatte di carta stagnola e che si vedono utilizzate spesso in situazioni di recuperi e di emergenze).

Per quanto riguarda l'attrezzatura per l'arrampicata (cordamoschettoni e rinvii,imbragatura) è fondamentale che siano a norma. Questo significa che per poter essere messi in commercio devono essere provviste delle certificazioni CE e UIAA.

Prestare sempre la massima attenzione alle condizioni in cui si trova la vostra attrezzatura da arrampicata o l'equipaggiamento da montagna: in caso di evidenti anomalie o usura, o anche solo in caso di serio dubbio, rimpiazzarlo.

Ricordate sempre che arrampicare e andare in montagna sono attività che devono essere piacevoli, e perchè lo siano è importante non sottovalutarne i pericoli e i rischi e affrontare le proprie attività con la massima preparazione. 


 

REGOLAMENTO PER UTILIZZO MATERIALE DI PROPRIETA' DELLA SEZIONE DEL CLUB ALPINO ITALIANO DI COLLEFERRO

Il materiale e le attrezzature per le attività sportive di proprietà della Sezione CAI di Colleferro e della Sottosezione di Anagni (di seguito materiale) possono essere utilizzati dai soci secondo le modalità e le condizioni del presente regolamento.

--- Il materiale può essere preso a noleggio e utilizzato solo dai soci in regola con il pagamento della quota annuale;

---il materiale è a disposizione dei soci solo per uso in attività sezionali, o uscite con altre sezioni purché ciò non sia causa di interferenza con la normale attività sezionale, e verrà assegnato in base all'ordine di prenotazione e di iscrizione all'attività di riferimento; 

---il socio CAI potrà prendere in carico materiale fino a un massimo di uno per ogni tipo di attrezzatura ovvero, in caso di molteplici richieste, fino ad un massimo di uno per l’intera gamma; ove non vi siano altre richieste per il periodo in interesse, il socio potrà usufruirne anche in quantità superiore sino ad esaurimento della disponibilità; 

---il costo del noleggio, indicato nella tabella in coda al presente regolamento, deve essere versato al momento del ritiro, usualmente il giorno precedente l'uscita, e copre la normale usura dovuta all'utilizzo anche se poi questo effettivamente non avviene;

---in caso di smarrimento, guasto o deterioramento evidente e non giustificato dalle condizioni in cui si trovava al momento della consegna, il costo del materiale deve essere rimborsato secondo le misure esposte nella tabella in fondo;

---il rimborso è dovuto anche in caso di furto; questo va comunque denunciato appena possibile alle autorità competenti;

--- il materiale dovrà essere restituito entro i due giorni successivi all'uscita; ove ciò sia preventivamente impossibile, dovrà essere opportunamente segnalato al responsabile del magazzino che ne prenderà relativa nota nel registro di noleggio;

---il materiale non dovrà subire alcuna modifica durante il periodo di noleggio e dovrà essere restituito nelle medesime condizioni in cui è stato preso in carico, ossia pulito, asciutto e senza ammaccature o rotture; in difetto dovrà darsi luogo al rimborso;

---il socio che utilizza il materiale potrà usufruirne una seconda volta soltanto ove non vi siano altre richieste da parte di soci che non ne abbiano usufruito in precedenza;

---durante l'utilizzo del suddetto materiale vige l'obbligo di comportarsi in modo da evitare situazioni pericolose per sé e per gli altri;

---il deposito dei materiali e dell’attrezzature di proprietà della Sezione e della Sottosezione di Anagni si trovano in via G. Leopardi 30 a Colleferro, entrambi possono essere visionati da tutti i soci iscritti previo accordo con il responsabile;

---nel registro appositamente preposto al noleggio sarà indicato il nominativo del socio, il materiale preso, la data di prelievo e la data di restituzione;

---l’uso dei materiali per corsi e aggiornamenti ai titolati CAI (ANE-AE-ANAG-AAG-IS ect.) e sezionali (ASE-aAAG-ISS ect) il ritiro presso il deposito è gratuito preventivamente autorizzato dal presidente di sezione.

---la mancata riconsegna del materiale entro il termine sopra stabilito, o comunque entro il primo giorno utile successivo, senza giustificato motivo da parte del socio sarà considerata come mancata resa e verrà segnalata agli organi sezionali per gli opportuni provvedimenti disciplinari.